Gli U2 e Dublino

Da 30 anni gli U2 sono il gruppo rock più famoso del pianeta e una delle icone di Dublino.

La leggenda racconta che nel 1976 Larry Mullen, uno studente di 15 anni del liceo Mount Temple di Clontarf, quartiere nord di Dublino, mise un annuncio nella bacheca delle scuola: “Batterista disponibile per formare un gruppo”. Pochi giorni dopo nella cucina di casa sua si riunirono 4 ragazzi e il gruppo prese il nome di “The Larry Mullen band” ma, racconta Larry, solo per 10 minuti, finché non arrivò Bono. È evidente che già a 15 anni Bono aveva spiccate qualità di leader.

Da allora gli U2 non si sono più separati, da 30 anni i membri del gruppo sono sempre gli stessi, così come il loro manager Paul McGuinness. Oltre a Bono e Larry, entrambi nati a Dublino, gli U2 sono formati da Adam Clayton, nato a Londra ma trasferitosi a Dublino con la famiglia quando aveva 5 anni, e David Evans (The Edge), nato in Galles ma anche lui trapiantato in Irlanda da bambino.
Dopo 30 anni insieme, vari milioni di dischi venduti, 22 Grammy Awards vinti e innumerevoli tour, oggi gli U2 sono una success story irlandese e un esempio positivo di talento, lealtà, amicizia e impegno sociale e politico.

Il primo album, Boy, è uscito nel 1980, l’ultimo, Songs of innnocence, nel 2014 e nel mezzo ci sono tante canzoni e concerti indimenticabili.
Gli U2 che io amo di più sono però quelli vintage degli anni ’80.

Ecco le pietre miliari della loro storia che non mancano mai di darmi dei brividi:

1982 – Sunday Bloody Sunday
Il 30 gennaio 1972, le truppe britanniche aprirono il fuoco su un gruppo di civili pacifici e disarmati a Derry, in Irlanda, durante una marcia per i diritti civili. Questa canzone e questo video sono un tributo ai 14 che rimasero uccisi in quella giornata terribile, che da allora viene ricordata come una delle domeniche di sangue irlandesi.

1985 – Live Aid
Il concerto per l’Africa organizzato nel 1985 da Bob Geldof (un altro dublinese)

1987 – The Joshua tree – L’album più bello

Ma quali sono i luoghi di Dublino associati agli U2?

1. Il Clarence Hotel
Questo hotel di Temple Bar appartiene a Bono e a The Edge e ha un bar elegante e molto ben frequentato. Anche l’hotel è di ottima qualità anche se è un po’ caro. Ma è comprensibile visto che spesso viene usato dai VIP dello spettacolo per gli incontri con la stampa. L’hotel ha due ingressi, uno in Temple Bar (vicino a Parliament Street) e uno su Wellington Quay (vicino al Millennium Bridge).

2. The Project Arts Theatre
Un teatro che ha un significato speciale per il gruppo e i loro fan perché è qui che vennero presentati al loro leggendario manager, Paul McGuinness, dopo uno dei loro primi concerti nel lontano 1978. Si trova dall’altra parte della strada rispetto al Clarence Hotel in Temple Bar.

3. Hard Rock Café
Anche se è un locale relativamente nuovo a Dublino, l’Hard Rock Café ospita diversi memorabilia locali, compresa un’auto Trabant risalente all’epoca dell’album Zoo TV, gli occhiali da sole di Bono indossati nel video di Beautiful Day e il testo scritto a mano della canzone Please. Nel mezzo di Temple Bar, a 12 Fleet St.

4. Lo studio di registrazione a Windmill Lane
Il primo studio di registrazione del gruppo, si trova nel nuovo quartiere dei Docklands, non lontano dal ponte Samuel Beckett.

5. The Little Museum of Dublin
I fan degli U2 non possono perdersi l’unica mostra a Dublino sulla band, intitolata U2 Made in Dublin, al secondo piano del Little Museum of Dublin in Stephen’s Green. La mostra è stata curata da alcuni fan e ripercorre la storia della band dal 1976 a oggi con bellissime fotografie, album firmati, rare registrazioni, e molto altro. E’ un tributo alla band da parte della sua città ed è un “work in progress” perché ogni tanto vengono aggiunti nuovi cimeli.

Ed infine, nel video di Sweetest thing, si possono intravedere le strade principali del quartiere georgiano di Dublino, qui percorse da Bono su una carrozza. Il video è dedicato alla moglie Ali, e la leggenda racconta che la canzone fu scritta da Bono per farsi perdonare di avere dimenticato il loro 25esimo anniversario di matrimonio.

I commenti sono chiusi.