Come pranzare con poco a Dublino: qualche suggerimento

Per gli italiani che arrivano a Dublino l’impatto con la cucina locale può essere un po’ traumatizzante. Certo, dipende dai gusti personali, ma a meno che non siate degli accaniti carnivori pronti ad abbuffarsi di bacon, salsicce e sanguinaccio sin dal primo mattino (vedi la tipica irish breakfast), mangiare in terra irlandese può risultare un po’ impegnativo. Dico questo senza nulla togliere all’arte culinaria locale, chiaramente, che può comunque riservare delle piacevoli sorprese, tipo gli innumerevoli piatti cucinati usando l’immancabile Guinness (se siete tentati, potete provare le ricette a base di Guinness anche a casa). Detto ciò, ecco un breve vademecum per chi, almeno ogni tanto, ha voglia di un pasto sano e leggero rimanendo nella modica cifra (almeno per Dublino) di circa 6/8 euro.

TOWER RECORDS, 7 Dawson Street
Se siete anche amanti della musica, questo è il posto che fa per voi. A due passi da Grafton Street, la principale via commerciale della città, passando davanti a questo grande negozio di dischi non lo direste mai, ma al secondo piano si nasconde un piccolo caffè. In un ambiente intimo e colorato, arredato in stile vintage, è possibile pranzare o fare una pausa thè/caffè mangiando golosi dolcetti. Tutto ciò che mangerete è rigorosamente homemade (fatto in casa): provate la soup (zuppa), piatto caro agli irlandesi, abbinata a due fette di brown bread (pane nero tipico irlandese che proprio nero non è) su cui potrete spalmare del burro. Ok, mangiare burro non sarà leggerissimo ma vale la pena provarlo perché quello irlandese, a differenza di quello italiano, è salato, ovvero saporitisissimo e si sposa divinamente con la suddetta zuppa. In alternativa, potete mangiare sandwiches, frittate, cous cous e insalate varie, tutto fresco e ben fatto.

GOVINDA’S, Middle Abbey Street
Se invece siete vegetariani o vegani questo posto è l’unica salvezza per voi (o quasi). Ambiente decisamente informale nonché impregnato di una certa “spiritualità” date le numerose immagini di divinità orientali appese alle pareti: non a caso, sopra al ristorante c’è anche un centro dedicato alla pratica di yoga/meditazione e affini, il Kirtan Centre, che col cibo non c’entra nulla ma se qualcuno fosse interessato…. Ad ogni modo i piatti che potete mangiare da Govinda’s, servendovi al self service, sono di ottima qualità: riso bianco e integrale, zuppe o stufati di verdure/legumi/cereali, vari tipi di insalate, dolci. Potete scegliere tutto quello che volete, senza limiti, in tre diversi formati e vi assicuro che ogni piatto verrà riempito sino a farlo traboccare…quindi partite da quello piccolo, è già un pranzo completo ! 10 e lode alla generosità.

SILK ROAD CAFE’, presso The Chester Beatty Library – Castello di Dublino
Al piano terra della Biblioteca Chester Beatty, che ospita una magnifica collezione di manoscritti e stampe di varie culture orientali e occidentali, si trova una sorta di piccolo cortile, con tanto di fontana, dove potrete trovare i tavoli di questo caratteristico caffè. Come il nome anticipa (“la via della seta”) e in tema con la collezione, qui potrete gustare specialità mediterranee e orientali in un tripudio di spezie di ogni tipo, oltre alle immancabili zuppe, rivisitate in chiave etnica, naturalmente. Sicuramente una cucina per palati che amano i sapori forti, ma vi assicuro che mangiare al Silk road Cafè regala anche qualcosa di più: una pausa dal trambusto della città in un ambiente luminosissimo, rilassante e quasi fuori dal tempo….da provare anche solo per un caffè.
(Guest post di Francesca)

I commenti sono chiusi.